mappa
  • Provincia di Cosenza
  • BSAE
  • BAP CZ - CS - KR
  • ARCHIVIO DI STATO
    Via Giovan Vincenzo Gravina
    87100 Cosenza(CS)
  • BIBLIOTECA NAZIONALE
    Piazza Toscano
    87100 Cosenza(CS)
  • Provincia di Reggio Calabria
  • BA
  • BAP RC - VV
  • ARCHIVIO DI STATO
    Via Lia Casalotto
    89100 Reggio Calabria(RC)
  • SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA
    Via Tripepi 59
    89100 Reggio Calabria(RC)
  • Provincia di Vibo Valentia
  • ARCHIVIO DI STATO
    Via Jan Palach, 46
    89900 Vibo Valentia(VV)
  • Provincia di Catanzaro
  • ARCHIVIO DI STATO
    Piazza Rosario,6
    88100 Catanzaro(CZ)
  • SEGRETARIATO
    REGIONALE
    PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLA CALABRIA

    Via Scylletion,1
    Roccelletta di Borgia(CZ)
Questo sito utilizza anche i cookie anche di terze parti che ci aiutano a fornire i nostri servizi, clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso
Continuando sul sito o premendo su OK presti il consenso all’uso di tutti i cookie

14/12/2015 | Rende (CS)

POR - FESR 2007-2013

Rende (CS) Castello Normanno Svevo. Restauro conservativo ed altro. Cod. SC20.
 
 
Data Scadenza: 02/02/2016
Importo: 1.220.026,34 €
 
Contenuto Bando
In esecuzione del decreto dirigenziale n. 307 del 2.12.2015 si pubblica il bando dell'intervento denominato: Appalto di progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori per l’intervento denominato: Rende (CS) Castello Normanno Svevo. Restauro conservativo e interventi di adeguamento e rifunzionalizzazione per destinazione culturale di parte del complesso monumentale. APQ Beni e Attività Culturali della Regione Calabria II atto integrativo. Delibera Cipe 35/2005 (ex FAS). Codice di intervento SC20.
Si informa che il termine ultimo per presentare richiesta di sopralluogo OBBLIGATORIO  sono le ore 12:00 del 8.01.2016 mendiante e-mail da inviare esclusivamente all'indirizzo di posta elettronica: mbac-sbeap-cal@mailcert.beniculturali.it 
Le richieste di informazione/chiarimenti dovranno essere trasmesse entro le ore 
12:00 del 15.01.2016 esclusivamente all'indirizzo di posta elettronicambac-sr-cal@mailcert.beniculturali.it. Saranno ritenute irricevibili le richieste trasmesse oltre le  12:00 del 1.12.2015. 
IL TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE è FISSATO ALLE ORE 12:00 DEL 2.02.2016. 
L'APERTURA DELLE OFFERTE SARA' EFFETTUATA IL GIORNO 3 FEBBRAIO 2016 ALLE ORE 12:00 PRESSO UNA DELLE SEDI DELLA SEGRETARIATO REGIONALE CHE SARA' COMUNICATA ENTRO IL GIORNO DELLA SCADENZA DEL BANDO. 

L’Amministrazione si RISERVA di effettuare le operazioni di gara presso la SEDE OPERATIVA del SEGRETARIATO ovvero presso la sede della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Calabria SITA IN COSENZA PALAZZO VALDESI MEDIANTE COMUNICAZIONE SUL SITO WWW.BENICULTURALICALABRIA.IT il giorno della scadenza dei termini di presentazione delle offerte.
E' in corso la pubblicazione in G.U. di un avviso di rettifica del bando di gara e di proroga del termine di scadenza per la presentazione della richiesta di sopralluogo, di scadenza, dell'apertura delle offerte.
Si pubblica, in anteprima tale avviso al fine di consentire a tutti gli operatori economici interessati a partecipare alla procedura, 
avviso di rettifica e posticipo.
Si pubblica: 
Bando di gara
Disciplinare
Relazione storica e tecnica
Relazione descrittiva

Schema di contratto
Computo metrico
Computo metrico sicurezza
Stima incidenza manodopera
Elenco prezzi
Piano di sicurezza
Piano di manutenzione
Cronoprogramma
Relazione strutture
Particolari ripristini strutturali
Relazione tecnica impianto di climatizzazione
Relazione tecnica impianto antincendio
Relazione tecnica impianto elettrico
Prospetti e Grafici
CSA Rimodulato al 29 Gennaio 2015
Allegato B
Si pubblica il verbale del 31 marzo 2016
Si pubblica il verbale del 1 aprile 2016
Si pubblica il verbale del 14 aprile 2016
Si pubblica il verbale del 30 giugno 2016 si integra la pubblicazione con l'Allegato relativo ai punteggi complessivi
Si pubblica il verbale del 29 luglio 2016
 
 

16/02/2016

D:Premesso che nella relazione descrittiva, elaborato n. 1,alla pag. 7 si descrive la soluzione adottata nel progetto definitivo ( parete vetrata), con specifico riferimento alla posizione più arretrata della nuova facciata rispetto all'attuale; in merito ai criteri migliorativi indicati con A1a e A1b si domanda se la posizione arretrata della nuova facciata è da considerarsi vincolante per il rispetto dei criteri migliorativi A1a e A1b.
R:La soluzione indicata in progetto è riferita alle previsioni del progetto definitivo predisposto dall'Amministrazione. Nella proposta migliorativa tutti gli aspetti relativi alla chiusura e rifinitura della facciata possono essere oggetto di modifica e miglioramento secondo quanto richiesto nel bando di gara. 
 

16/02/2016

D:
In merito alla procedura in esame, si richiedono chiarimenti relativi ai requisiti economico-finanziari e tecnico-organizzativi di partecipazione alla gara per ai progettisti. Nel disciplinare, infatti, è richiamato l'art. 263 comma 1, lettere a), b), e) e d) del D.P.PR. 207/2010. In particolare, il comma 1 lettera b) recita: "I requisiti economico-finanziari e tecnico-organizzativi di partecipazione alle gare sono definiti dalle stazioni appaltanti con riguardo: b) all'avvenuto espletamento negli ultimi dieci anni di servizi di cui all'articolo 252, relativi a lavori appartenenti ad ognuna delle classi e categorie dei lavori cui si riferiscono i servizi da affidare, individuate sulla base delle elencazioni contenute nelle vigenti tariffe professionali, per un importo globale per ogni classe e categoria variabile tra 1 e 2 volte l'importo stimato dei lavori cui si riferisce la prestazione, calcolato con riguardo ad ognuna delle classi e categorie"
Tra i chiarimenti pubblicati, invece, si legge una restrizione al comma di legge, in quanto si limita l'espletamento dei servizi agli ultimi cinque anni. Si chiede un chiarimento in merito.
R:Per mero errore è stato riportato il limite dell'espletamento dei servizi negli ultimi cinque anni.
Si deve ritenere applicato pertanto il riferimento legislativo dell'art. 263 del D.P.R. 207-2010 ed il periodo temporale degli ultimi 10 anni.
 

16/02/2016

D:
In riferimento al contenuto della "Busta C Offerta Economica" si rileva che al p.to 1 .........il prezzo globale è dato dalla somma del prezzo offerto per la progettazione esecutiva e del prezzo offerto per l'esecuzione dei lavori che ai sensi dell'art. 82 del codice, è determinato mediante offerta a prezzi unitari, compilato secondo le norme e con le modalità previste nel disciplinare di gara. Tra gli allegati dei documenti economici, invece viene precisato che "il computo metrico estimativo complessivo con le indicazioni delle opere previste con le soluzioni tecniche migliorative relativo al progetto offerto. Il prezzo complessivo rappresentato alla fine del computo metrico identifica il prezzo sul quale verrà applicato il ribasso offerto dai concorrenti nella dichiarazione di cui al precedente punto 1). Domanda: si chiede di precisare le modalità di presentazione dell'offerta economica.
R:
Si deve per prima cosa precisare, che secondo quanto previsto dall'art. 18.2, n. 1 del disciplinare di gara (pag. 34) è prevista la presentazione di "dichiarazione sottoscritta dal legale rappresentante o da suo procuratore, contenente l’indicazione del prezzo globale che il concorrente richiede per la progettazione esecutiva e per l’esecuzione dei lavori – inferiore al prezzo complessivo dell’appalto, al netto del costo degli oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso – espresso in cifre ed in lettere ed il conseguente ribasso percentuale anch’esso espresso in cifre e lettere, rispetto al suddetto prezzo globale dell’appalto.
Ai sensi dell’art. 53 c. 2, lett. c., del Codice, il prezzo globale è dato dalla somma del prezzo offerto per la progettazione esecutiva e del prezzo offerto per l’esecuzione dei lavori che, ai sensi dell’art. 82 del codice, è determinato mediante offerta prezzi unitari, compilata secondo le norme e con le modalità previste nel presente disciplinare di gara". 

Inoltre è prevista la presentazione di una busta sigillata con ceralacca e siglata su tutti i lembi di chiusura dovrà recare all’esterno la dicitura “DOCUMENTI ECONOMICI” e contenere:
- Elenco dei prezzi unitari relativo alle sole categorie dei lavori previsti con le soluzioni tecniche migliorative;
- Computo metrico estimativo complessivo con l’indicazione delle opere previste con le soluzioni tecniche migliorative relativo al progetto offerto. Il prezzo complessivo rappresentato alla fine del computo metrico identifica il prezzo sul quale verrà applicato il ribasso offerto dai concorrenti nella dichiarazione di cui al precedente punto 1). Il risultato di tale prodotto costituirà l’offerta economica (prezzo offerto) del concorrente, che non dovrà essere, PENA L’ESCLUSIONE DALLA GARA, uguale o superiore all’importo a base d’asta;
- Analisi dei prezzi relativi alle sole categorie dei lavori previsti con le soluzioni tecniche migliorative.
- L’elenco dei prezzi unitari, il computo metrico e l’elenco dei prezzi, pena l’esclusione, dovranno essere sottoscritti, in ciascun foglio, dal legale rappresentante dell’offerente.
Qualora l’offerente sia costituito da ATI e/o ATP tra imprese e/o liberi professionisti e/o società di progettazione e/o società di ingegneria, le sottoscrizioni in ciascun foglio, pena l’esclusione, dovranno essere apposte da tutti i legali rappresentanti dei soggetti che costituiranno il raggruppamento.
L’aggiudicazione avviene in base al ribasso percentuale indicato in lettere nella dichiarazione di cui al punto 1)

Tanto premesso, il richiamo ai "prezzi unitari" deve intendersi riferito alla parte oggetto di miglioramento (offerti dall'operatore economico sulla base di proprie valutazioni). 
Resta inteso in ogni caso che il Computo metrico, comprendente i lavori da progetto e quelli migliorativi, dovrà essere presentato con la descrizione e computazione di tutti i lavori.

 
 

16/02/2016

D:Alcuni operatori economici hanno segnalato, anche per le vie brevi, l'impossibilità di operare sul PASSOE in quanto risultava scaduto. 
 
R:Si comunica che il Passoe è stato sbloccato
 

16/02/2016

D:
Considerato che l’attuale E19 (ex I/d) che riguarda l’identificazione delle opere “Arredamenti con elementi singolari, Parchi urbani, Parchi ludici attrezzati, Giardini e piazze storiche, Opere di riqualificazione paesaggistica e ambientale di aree urbane” (vedi Tavola Z-1 riportato nell’Allegato al D.M. 31 ottobre 2013, n. 143).
Si chiede se parimenti sono da considerarsi valide, al fine di soddisfare i requisiti riportati nel bando (per la categoria E22) anche tutte le altre categorie ex I/d, attuali: E04 - Alberghi, Villaggi turistici ‐ Mercati e Centri commerciali complessi;
E07 - Edifici residenziali di tipo pregiato con costi di costruzione eccedenti la media di mercato e con tipologie diversificate;
E09 - Scuole secondarie di primo grado oltre 24 classi‐Istituti scolastici superiori oltre 25 classi‐ Case di cura;
E10 - Poliambulatori, Ospedali, Istituti di ricerca, Centri di riabilitazione, Poli scolastici, Università, Accademie, Istituti di ricerca universitaria;
E12 - Aree ed attrezzature per lo sport all'aperto, Campo sportivo e servizi annessi, di tipo complesso; Palestre e piscine coperte;
E13 - Biblioteca, Cinema, Teatro, Pinacoteca, Centro Culturale, Sede congressuale, Auditorium, Museo, Galleriad'arte, Discoteca, Studio radiofonico o televisivo o di produzione cinematografica; Opere cimiteriali di tipo monumentale, Monumenti commemorativi, Palasport, Stadio, Chiese;
E16 - Sedi ed Uffici di Società ed Enti, Sedi ed Uffici comunali, Sedi ed Uffici provinciali, Sedi ed Uffici regionali, Sedi ed Uffici ministeriali, Pretura, Tribunale, Palazzo di giustizia, Penitenziari, Caserme con corredi tecnici di importanza maggiore, Questura;
E19 - Arredamenti con elementi singolari, Parchi urbani, Parchi ludici attrezzati, Giardini e piazze storiche, Opere di riqualificazione paesaggistica e ambientale di aree urbane;
E21 - Interventi di manutenzione straordinaria, restauro, ristrutturazione, riqualificazione, su edifici e manufatti di interesse storico artistico non soggetti a tutela ai sensi del decreto legislativo n. 42/2004.
R:La categoria di progettazione prevista come riportato nel disciplinare (pag. 25) è la E22, le altre categorie non sono ammesse.
 

27/01/2016

D:In riferimento al soddisfacimento dei requisiti minimi di ordine speciale per la progettazione, così come riportato, (ai sensi dell?art. 263
comma 1 lettera a) b) c) d) del DPR 207/2010), SEZIONE III.7) lettera C) pag. 11/17 del Bando di gara e lettera C) pag. 24 del Disciplinaredi gara, si richiede quali sono i moltiplicatori da applicare agli importi posti a base di gara per soddisfare quanto riportato all?art. 263
comma 1 DPR 207/10: a) al fatturato globale per servizi di cui all'articolo 252, ?. b) all?avvenuto espletamento negli ultimi dieci anni di
servizi di cui all'articolo 252, ? c) all?avvenuto svolgimento negli ultimi dieci anni di due servizi di cui all'articolo 252, ? d) al numero medio annuo del personale tecnico utilizzato negli ultimi tre anni ? INOLTRE si richiede: ? cosa si intende per possesso dei requisiti di cui all'art. 267 del DPR 207/2010, occorre predisporre l?Allegato N ed O, in rapporto alle classi e alle categorie richieste? ? dove reperire l?ALLEGATO B a cui si fa riferimento a pag. 11/17 del Bando di gara e a pag. 24 del Disciplinare di gara, predisposto dalla Stazione Appaltante, per i
progettisti?
R:Si fa presente l'importo relativo alla progettazione esecutiva è inferiore ad € 100.000,00 pertanto in base ai combinato disposto dell'art. 92, comma 6, let. b) e dell'art. 267 del D.P.R. 207/10, per i progettisti è sufficiente la qualificazione relativa all’iscrizione all'albo professionale e l'aver espletato, negli ultimi cinque anni, servizi di ingegneria ed architettura di importo complessivo pari ad € 20.000,00 (ventimila) ed appartenenti alle seguenti classi e categorie:
OG2 euro 854.369,78 cat. prog. E.22 importo progettazione   €  10.500,00
OS3 euro   83.699,41  cat. prog. IA.01 importo progettazione €   2.600,00
OS28 euro 191.205,84 cat. prog. IA.02 importo progettazione €   4.300,00
OS30  euro 43031,16 cat. prog. IA.03 importo progettazione   €   2.600,00
 
per un totale di € 20.000,00.
 
L'allegato B è stato pubblicato.
 

27/01/2016

D:Nel disciplinare di gara pag.22 "Qualificazione per servizio di progettazione" comma a) Attestazione di qualificazione si parla di allegare copia della SOA attestante la qualificazione del concorrente per le attività di progettazione, atteso che il nostro consorzio stabile possiede la SOA in classifica VIII per la categoria di progettazione la stessa è sufficiente a coprire tutte le prescrizioni della gara?
Nel caso in cui i professionisti incaricati della redazione e firma dei documenti progettuali non siano soggetti dipendenti del consorzio stabile ma bensì siano membri dello staff tecnico della consorziata designata per l'esecuzione, debbono dimostrare a loro volta i requisiti di progetto per come specificato nel disciplinare o devono semplicemente essere professionisti abilitati alla firma (esempio architetto, ingegnere, ecc.) e compilare le dichiarazioni di cui all'art.38 del D.Lgs 163/2006?
R:Nel caso in cui i professionisti incaricati della redazione e firma dei documenti progettuali non siano soggetti dipendenti del consorzio stabile ma bensì siano dipendenti della consorziata designata per l'esecuzione, devono semplicemente essere professionisti abilitati alla firma e compilare le dichiarazioni di cui all'art.38 del D.Lgs 163/2006.
 

27/01/2016

D:Se un Laureato in "Ingegneria Edile Architettura", laurea paragonata dalla Comunità Europea ad Ingegneria, con tutti i requisiti di lavoro e
fatturato richiesti puo' partecipare al Bando?
R:La laurea posseduta deve essere equipollente a laurea magistrale che, in base alla normativa vigente, abiliti alla progettazione su beni tutelati ai sensi del D.Lgs. 42/2004.
 
 

27/01/2016

D:Il passo E, richiesto è necessario pure per i Progettisti ?
R:no
 

27/01/2016

D:
Per quanto riguarda i requisiti dei progettisti, utilizzare certificati relativi a progettazione e direzione lavori di edifici vincolati ricadenti nella ex categoria Id? (attuale E19)? - in riferimento alla pag. 33 del disciplinare di gara, punto 7, si richiede la scheda di dettaglio dei costi di
realizzazione dell'offerta migliorativa. Si chiede conferma della correttezza della richiesta, in quanto, in teoria, nella Busta relativa
all'Offerta Tecnica non dovrebbe esserci alcun riferimento ai costi sostenuti per la realizzazione delle migliorie. Si chiede, quindi, cosa si debba produrre in merito alla richiesta citata.
R:si
 

27/01/2016

D:in riferimento alla pag. 33 del disciplinare di gara, punto 7, si richiede la scheda di dettaglio dei costi di realizzazione dell'offerta migliorativa. Si chiede conferma della correttezza della richiesta, in quanto, in teoria, nella Busta relativa all'Offerta Tecnica non dovrebbe esserci alcun riferimento ai costi sostenuti per la realizzazione delle migliorie. Si chiede, quindi, cosa si debba produrre in merito alla richiesta citata
R:Al fine di garantire la massima trasparenza nella procedura ed evitare confusione negli operatori economici interessati si CONSIDERI BARRATA-CANCELLATA LA FRASE CONTENUTA NEL DISCIPLINARE DI GARA ALL’ART. 17 PAGINA 31 la frase come di seguito: “… una relazione descrittiva corredata da elaborati grafici  (schemi W.B.S. (Work Breakdown Structure) diagrammi di Pert, (Program Evaluation and Review Technique) diagrammi Gantt) che illustri la concezione organizzativa e la struttura tecnico- organizzativa ed i tempi complessivi che il concorrente impiegherà per la realizzazione dei lavori, comprendenti i curricula dei tecnici che faranno parte della struttura tecnico-organizzativa incaricata di dirigere l’esecuzione dei lavori
Nonchè ALL’ART. 17 PAGINA 34 si CONSIDERI BARRATA-CANCELLATA LA FRASE CONTENUTA NEL DISCIPLINARE DI GARA 7) scheda di dettaglio dei costi di realizzazione dell’offerta migliorativa; 
Pertanto nella busta B Offerta Tecnico – Organizzativa non dovrà essere contenuto alcun documento che anticipi in qualsivoglia modo alcun prezzo dell’offerta economica o alcun riferimento alla offerta temporale. 
 

22/01/2016

D:Si chiede se l'offerta tecnica debba essere firmata anche dai progettisti indicati.
R:si
 

21/01/2016

D:Si chiede la pubblicazione dell'allegato B.
R:L'allegato B è stato pubblicato.
 

21/01/2016

D:Tutti gli atti amministrativi da compilare, tipo dichiarazioni e simili, non presenti sul sito tra gli allegati, li dobbiamo autoprodurre noi ?
R:Non è pubblicata alcuna modulistica, ad eccezione dell'Allegato B.  Pertanto atti e dichiarazioni sono a completo carico dell'operatore economico partecipante
 

12/01/2016

D:Siamo a richiedere se è possibile trasmetterci il progetto in formato DGW.
R:L'unico formato disponibile è quello pubblicato.  
 

12/01/2016

D:La sottoscritta impresa essendo in possesso ai sensi del D.P.R. 207/2010 della categoria OG2 III- BIS 1.500.000,00 e della ctag. OG11 II classifica, con la presente chiede se la stessa è qualificata per la partecipazione alla gara, dato che l'importo complessivo dell'appalto riportato nel bando di gara è pari ad 1.220.026,34 mentre la categoria richiesta in OG2 è la IV?
R:In effetti, per mero errore è stata indicata per la categoria prevalente la classifica IV che qualifica l'operatore economico a partecipare a procedura per lavori fino ad un importo pari ad € 3.098.400,00. 
L'importo complessivo posto a base di gara è pari ad € 2.220.062,34 e l'importo relativo alla categoria prevalente è pari ad € 981.100,35 per la quale è sufficiente la classifica III.
 
copyright 2006 - 2017 Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - CulturaItalia Versione 2.0